L’Italia latitante tra le rovine “redente”

Il ritorno dei profughi rallentato dai danni e dalla burocrazia - Gli stessi irredentisti costretti ad ammettere i ritardi nella ricostruzione dei paesi devastati dalla Guerra – Per mesi il Trentino fu una provincia “occupata” dai militari italiani – Sul piano dell’efficienza amministrativa più che essere redento, “il Trentino avrebbe dovuto redimere l’Italia”

Leggi tutto l'articolo…

L’Italia latitante tra le rovine “redente”

Il ritorno dei profughi rallentato dai danni e dalla burocrazia - Gli stessi irredentisti costretti ad ammettere i ritardi nella ricostruzione dei paesi devastati dalla Guerra – Per mesi il Trentino fu una provincia “occupata” dai militari italiani – Sul piano dell’efficienza amministrativa più che essere redento, “il Trentino avrebbe dovuto redimere l’Italia”

Leggi tutto l'articolo…

"La Divina" alle Terme



1888, alle terme di Roncegno arriva una star: Eleonora Duse. Soffriva di una malattia molto grave e per curarsi soggiornò alle Terme di Roncegno. Bagni, passeggiate e lunghe lettere all’amante. Così la star trascorse la sua estate trentina
Leggi tutto l'articolo…

"La Divina" alle Terme



1888, alle terme di Roncegno arriva una star: Eleonora Duse. Soffriva di una malattia molto grave e per curarsi soggiornò alle Terme di Roncegno. Bagni, passeggiate e lunghe lettere all’amante. Così la star trascorse la sua estate trentina
Leggi tutto l'articolo…

Buona Pasqua con Cisa

Quella della Cisa 2054, storica fabbrica del cioccolato trentino, è una realtà unica in tutta la regione, che da più di sessant’anni si è specializzata nella produzione artigianale di cioccolatoLeggi tutto l'articolo…

Buona Pasqua con Cisa

Quella della Cisa 2054, storica fabbrica del cioccolato trentino, è una realtà unica in tutta la regione, che da più di sessant’anni si è specializzata nella produzione artigianale di cioccolatoLeggi tutto l'articolo…

La vita di un uomo un “filo d’erba” dentro una gavetta

Il 25 aprile ricorrono settant’anni dalla fine della Seconda Guerra mondiale. Per l’occasione, “Trentinomese” ha recuperato un frammento di guerra, una storia minima di chi non ha storia. Da una gavetta militare trovata per caso a segonzano (Val di Cembra) siamo risaliti al militare italiano, un muratore di Boves (Piemonte) che la usò nel campo di concentramento in Germania, dove fu prigioniero per due anni. Restano l’interrogativo e le ipotesi sull’abbandono di quella gavetta in Val di Cembra. Il cimelio sarà donato al Museo Italiano della Guerra a Rovereto.
Leggi tutto l'articolo…

La vita di un uomo un “filo d’erba” dentro una gavetta

Il 25 aprile ricorrono settant’anni dalla fine della Seconda Guerra mondiale. Per l’occasione, “Trentinomese” ha recuperato un frammento di guerra, una storia minima di chi non ha storia. Da una gavetta militare trovata per caso a segonzano (Val di Cembra) siamo risaliti al militare italiano, un muratore di Boves (Piemonte) che la usò nel campo di concentramento in Germania, dove fu prigioniero per due anni. Restano l’interrogativo e le ipotesi sull’abbandono di quella gavetta in Val di Cembra. Il cimelio sarà donato al Museo Italiano della Guerra a Rovereto.
Leggi tutto l'articolo…

Franco Moscon: attore per hobby in quasi cento film

Attore per hobby, vanta Ad oggi quasi 100 film: ha iniziato da ragazzino, per caso, lavorando per Antonioni, Wertmüller, Tornatore, Bellocchio, al fianco di mostri sacri come Sordi, Manfredi, Gassman… Lo abbiamo visto in “A un passo dal cielo” e nella serie TV de “L’Ispettore Derrick”. Una passione che dura da quasi 50 anni.
Leggi tutto l'articolo…

Franco Moscon: attore per hobby in quasi cento film

Attore per hobby, vanta Ad oggi quasi 100 film: ha iniziato da ragazzino, per caso, lavorando per Antonioni, Wertmüller, Tornatore, Bellocchio, al fianco di mostri sacri come Sordi, Manfredi, Gassman… Lo abbiamo visto in “A un passo dal cielo” e nella serie TV de “L’Ispettore Derrick”. Una passione che dura da quasi 50 anni.
Leggi tutto l'articolo…